• Il territorio - La Val d’Orcia è costituita da un avvallamento collinare tagliato trasversalmente dal fiume Orcia. Il paesaggio della Val d’ Orcia è l’espressione di una natura incantevole. La forma del territorio è ovunque piacevolissima, caratterizzata da piccole colline con biancane e calanchi, da ampi terreni agricoli e da zone di pascolo, che generano un favoloso contrasto tra il paesaggio duro e avaro delle crete e quello più armonioso e dolce dei colli coltivati e dei cipressi toscani, snelli e scuri, che spesso, disposti in fila sui crinali, marcano l'orizzonte. Per proteggere questo ambiente, i cinque comuni
    che lo “goa vernano” (Montalcino, Pienza, S. Quirico d’ Orcia,
    Castiglione d’ Orcia e Radicofani) hanno deciso di istituire l’ente “Parco dellVal d’ Orcia” che assicura la conservazione dei beni naturali, artistici e cultirali del territorio. Il legame che si è instaurato tra l’agricoltura e l’ambiente è molto forte generando così una produzione tipica di alta qualità di vino, formaggio, olio, miele, carni, salumi e prodotti artigianali. Al momento esistono i marchi DOC, DOP e IGP per il pecorino, il vino, l’olio, il miele e lo zafferano.
Da visitare - Durante il soggiorno vi consigliamo di visitare i paesi incastonati in questa terra ricca di tradizioni e di storia:


Montepulciano

Bagno Vignoni

Bagni San Filippo
     

Castiglione d'Orcia Radicofani Pienza
     

Rocca d'Orcia

Montalcino

Monticchiello
     
La storia - Gli avvenimenti storici di questa estrema parte della provincia di Siena furono molteplici e complessi, come testimoniano i numerosi castelli che sorgono sulle alture circostanti. La storia della Val d'Orcia si identifica naturalmente con quella dei suoi paesi; le vicende più importanti vi si svolsero nel periodo compreso tra il Medio Evo ed il Rinascimento. Dopo aver subito l'influenza delle invasioni barbariche, in Val d'Orcia ebbe grande importanza il dominio Senese, come testimoniano le maggiori opere realizzate tra il 1200 ed il 1500. In particolare a Montalcino  si verificò l'insediamento della Repubblica Senese; a Pienza, citta papale, Papa Piccolomini con l'architetto Rossellino compirono importanti opere di ristrutturazione nel periodo rinascimentale, che costituiscono il primo esempio razionale di una ristrutturazione urbanistica.